03 mag 2012

Il bello del sole

news GREEN

Il futuro è qui, nel connubio fra architettura e fotovoltaico. Quando un’integrazione estetica può diventare la chiave di volta per un totale sdoganamento delle energie rinnovabili.  

(Estratto dall’articolo di Giorgio Giorgetti)

L’estetica moderna non può prescindere dalla funzionalità. Che, man mano passa il tempo, diventa sempre più sinonimo di risparmio energetico. L’abitazione non è più un luogo dove si consuma, ma un posto che deve e vuole diventare sempre più autosufficiente. Ovvio che, in questo panorama, la tecnologia fotovoltaica ha molto da dire. Ma, come succede sempre, aver buoni argomenti non basta: occorre che le parole siano appropriate, magari in grado di aprire nuove visioni, soluzioni impensate, strade da percorrere. Devono insomma esser belle parole, non soltanto buone, giuste e interessanti. Il lato estetico del fotovoltaico può diventare quindi una chance per condurre edilizia e impiantistica verso una nuova primavera, in cui l’utile si trasforma in bello e il sacrosanto in capolavoro non soltanto per l’ambiente, ma anche per gli occhi. Il fotovoltaico, insomma, deve riscoprire la bellezza per poter esser definitivamente dichiarato maturo, adulto. Il lato positivo del fotovoltaico è, appunto, la possibilità di essere buono e bello al tempo stesso, senza costringere a una scelta obbligata.


L’installatore e architetto dovranno collaborare sempre più per sdoganare l’elemento fotovoltaico. La materia fotovoltaica , insomma, è diventata sempre meno rigida, è possibile collocarla ovunque, a partire dai tetti piani per finire alle facciate continue degli edifici. Tanto più che, per legge, è d’obbligo schermare i lati esposti alla luce solare: già questo comporta l’uso di schermi che potrebbero appunto essere fotovoltaici, magari traslucidi. Sul mercato esistono da tempo varie soluzioni con diversa trasmittanza luminosa, adatte a ogni tipo di ambiente e di esigenza, con vari livelli di schermatura. Si limiterebbe così il surriscaldamento e si produrrebbe energia. Il fotovoltaico architettonico può diventare la chiave di volta per questa tecnologia, slegandola da interessi e speculazioni.

[top]